· 

Alla ricerca dei Templari

Da Zizur Mayor a Zariquiegui

la mattina presto lasciamo Zizur Mayor, che ci saluta con il suo cartello che ho appezzato: uguaglianza diversità e rispetto. A Zizur Mayor ci prendiamo cura delle persone e dell'ambiente. Ottimo. Bisognerebbe trarre insegnamento.

Inizia la leggera salita. Da lontano spuntano le maestose pale eoliche.

Arrivata a Zariquiegui (Navarra) ai piedi della Sierra del Perdón, mi prendo una breve sostado nella chiesa di San Andrés, Patrimonio dell'Umanità, costruita tra il XII e XIII sec.

 

da Zariquiegui all'Alto del Perdón

Leggo che siamo a soli 13 km da Pamplona, mentre mi sembra di essere lontanissima da questa città, arrivo dove le figure del monumento ai pellegrini si mescolano alle figure bianche come enormi fantasmi delle pale eoliche. Eccoci all'Alto del Perdón, a 735m  s.l.m. Donde se cruza el camino del viento con el de las estrellas, dove si incrocia il cammino del vento con quello delle stelle è la scritta che si legge su una figura a cavallo del monumento eretto nel 1996 sul Mirador da dove si gode di una meravigliosa vista. Il vento soffia continuo e con perseveranza, nutrendo di energia le pale bianche in movimento.

Si racconta che qui,  fino alla metà del XIX secolo c'era un eremo dedicato alla Virgen del Perdón e un ospedale per pellegrini.

Costruito nel XIII secolo, questo eremo fu molto importante, poiché il viaggiatore "qui raggiungeva  la stessa grazia che avrebbe ottenuto al termine del suo pellegrinaggio a Santiago de Compostela". Vale a dire ottenere il perdono dei suoi peccati e  garantire la sua salute spirituale in caso di morte nel resto del viaggio .

I Templari a Santa María de Eunate

Verso il XII e XIII sec. migliaia di credenti percorrevano il percorso ogni anno per visitare i resti di San Giacomo di Zebedeo, detto il Maggiore (Santiago el Mayor). 

 

La popolarità del Cammino di Santiago permise che clero e regnanti dell'epoca facessero costruire ponti, rifugi, ospedali e altri servizi di ogni tipo per facilitare il lungo viaggio dei  pellegrini. Bisognava anche rendere il viaggio sicuro. Ecco che apparvero i Templari, noti anche come "Ordine dei Poveri Cavalieri di Cristo del Tempio di Salomone". Questa era una delle organizzazioni monastiche militari cattoliche più importanti e potenti dell'intero Medioevo, perciò furono selezionati sul Camino de Santiago per pattugliare le rotte e proteggere l'incolumità dei pellegrini.

Iglesia de Santa María de Eunate 

La presenza dei Templari la si trova sul Camino di Santiago come ad esempio nella semplice, bella e misteriosa chiesa di Santa Maria di Eunate, ad alcuni chlometri dal comune di Muruzábal.

La famosa chiesa romanica, con pianta ottagonale e 33 archi si trova nel bel mezzo del niente, nel punto in cui convergono le due principali rotte giacobine che hanno origine nei Pirenei, il Camino Francés e quello de Somport. Nonostante la mancanza di dati disponibili, si é arrivati alla consclusione che questo enigmatico tempio, legato ai Templari, sia stato costruito durante la seconda metà del XII secolo.

 

Dopo essere arrivata ad Uterga, ho deciso di fare una deviazione per visitare la chiesa di Santa Maria di Eunate. Il cammino sotto la stecca del sole sul mezzogiorno e senza acqua mi ha fatta a pezzi poiché il tempio templare ela molto più distante di quanto pensassi. Comunque ne é valsa la pena.

 

 

Verso Puente la Reina (Navarra)

da Santa Maria de Eunate mi sono diretta a Obanos. Se vuoi conoscere il mistero di Obanos, cliccando qua potrai legge re la leggenda.... 

Finalmente raggiungo l'albergue Puente a Puente la Reina. E' stata una giornata intensa. Il Ponte romanico sopra il fiume Arga, fu costruito nel XI secolo e ancor oggi lo attraversano i pellegrini per raggiungere Santiago. Si dice che questo é il ponte romanico più bello di tutto il Cammino Giacobeo