bambini e giovani · 09. aprile 2021
All’inizio degli anni ’90, il dibattito su una legge a favore dei giovani entrò nel vivo, dapprima con l’iniziativa parlamentare Storelli, che chiedeva la partecipazione dei giovani alla vita pubblica e poi con la mozione Lepori-Bonetti, che invitava il cantone a verificare la possibilità di dotarsi di una Legge Giovani analoga a quella federale. Nel 1991 venne depositata un’iniziativa popolare, lanciata dal Movimento Giovanile Progressista, denominata “Per i centri e le attività...
bambini e giovani · 07. aprile 2021
Per iniziativa di una decina di giovani il 16 ottobre 1982 nacque a Locarno l’Associazione giovanile Diario e/o Tazebau. I giovani promotori ottennero uno spazio autogestito sulle pagine del quotidiano Eco di Locarno e aprirono poi il primo Ufficio Giovani in Svizzera: Nel 1991 si fecero promotori del progetto AGA, agenzia di stampa per l’animazione giovanile, a cui viene affidato il compito di continuare e potenziare le pubblicazioni periodiche giovanili dell’associazione Nel 1983 il...
bambini e giovani · 07. aprile 2021
L’associazione Landeskirchliches Jugendwerk (LJW), sostenuta dai contributi delle chiese evangeliche della Svizzera interna (KIKO), che gestiva centri del tempo libero a Ginevra, Losanna, Neuchâtel e La Chaux-de-Fonds con operatori sociali qualificati, decise nel 1978 di aprire e coordinare in Ticino due centri del tempo libero e di consulenza per le ragazze alla pari di lingua tedesca, affiancandoli a quelli di Ginevra e Losanna. La Zattera a Locarno e Villa Vecchia a Lugano accoglievano...
bambini e giovani · 06. aprile 2021
Nel 1980 nelle maggiori città svizzere, Berna, Zurigo e Losanna (Lôzane bouge) si verificarono scontri fra autorità, polizia e dimostranti per ottenere centri giovanili autonomi
bambini e giovani · 06. aprile 2021
Come affermato precedentemente la strada per ottenere dalle autorità degli spazi per i giovani si rivelò irta di ostacoli. A Lugano ci riprovarono manifestando per le vie della città reclamando un “centro autonomo giovanile”, ma la polizia intervenne e 7 manifestanti furono arrestati. Qualcosa sembrava muoversi a livello nazionale. Nel 1973 la commissione presieduta dal consigliere nazionale Theodor Gut incaricata dalla confederazione di stabilire in che modo la Svizzera avrebbe potuto...
bambini e giovani · 05. aprile 2021
La nuova presa di coscienza portò un gruppo di persone a costituire nel gennaio del 1970 a Locarno un "comitato per la creazione di un centro sperimentale provvisorio del tempo libero". Gerold Meyer (1900-1990), ex-insegnante e anziano militante socialista e pacifista, con i giovani Alfredo Salvisberg, Felice Hepp, Pietro Künzle desideravano realizzare nel centro della città un luogo di incontro autogestito, per la gioventù locale, da destinarsi ad attività creative e di riflessione.
bambini e giovani · 05. aprile 2021
Negli anni ’60 anche in Ticino la gioventù era in fermento, la maggioranza ruppe gli schemi tradizionali che stavano troppo stretti. Nasceva un modo diverso di relazionarsi che contrastava con la rigidità degli adulti. Un nuovo genere musicale si faceva strada e durante i concerti c’era voglia di muoversi, di alzarsi e ballare. Tutto ciò spaventava gli adulti, che corsero ai ripari, come ad esempio a Biasca. Nel febbraio del 1960 il Municipio aveva emesso un’ordinanza in cui si vietava...
ecologia e ambiente · 16. febbraio 2021
La vita che oggi fanno molti bambini non è adatta alle loro esigenze. Troppo sedentaria, isolata, sottoposta a ritmi frenetici. La crescita disordinata delle nostre città ha portato alla scomparsa di quegli spazi verdi in cui un tempo i bambini potevano incontrarsi e organizzare liberamente i loro giochi. I ''bambini di città'' raramente vanno a scuola da soli, scendono a giocare in cortile o per strada: più spesso restano in casa, davanti al televisore o alla play station. Ma fino a quando...
andando · 04. febbraio 2020
Sono 13'000 anni che abitiamo in questa regione, la Patagonia ancestrale...
andando · 04. febbraio 2020
Il famoso treno turistico, conosciuto dagli appassionati, che viaggia da Esquel a Nahuel Pan. Vecchio treno a vapore, a scartamento ridottissimo, 75 cm! La storia Nel 1908 si desiderava unire la cordigliera alla costa atlantica. Nella provincia di Chubut, i coloni gallesi avevano già costruito una strada ferrata tra Trelew e Puerto Madryn, mentre il "Ferrocarril del sur" da Buenos Aires andava fino a Bahia Blanca e da qui fino a Neuquen. L'idea era di riunire queste reti e di arrivare a San...

Mostra altro