bambini e giovani

bambini e giovani · 07. aprile 2021
Per iniziativa di una decina di giovani il 16 ottobre 1982 nacque a Locarno l’Associazione giovanile Diario e/o Tazebau. I giovani promotori ottennero uno spazio autogestito sulle pagine del quotidiano Eco di Locarno e aprirono poi il primo Ufficio Giovani in Svizzera: Nel 1991 si fecero promotori del progetto AGA, agenzia di stampa per l’animazione giovanile, a cui viene affidato il compito di continuare e potenziare le pubblicazioni periodiche giovanili dell’associazione Nel 1983 il...
bambini e giovani · 06. aprile 2021
Nel 1980 nelle maggiori città svizzere, Berna, Zurigo e Losanna (Lôzane bouge) si verificarono scontri fra autorità, polizia e dimostranti per ottenere centri giovanili autonomi
bambini e giovani · 06. aprile 2021
Come affermato precedentemente la strada per ottenere dalle autorità degli spazi per i giovani si rivelò irta di ostacoli. A Lugano ci riprovarono manifestando per le vie della città reclamando un “centro autonomo giovanile”, ma la polizia intervenne e 7 manifestanti furono arrestati. Qualcosa sembrava muoversi a livello nazionale. Nel 1973 la commissione presieduta dal consigliere nazionale Theodor Gut incaricata dalla confederazione di stabilire in che modo la Svizzera avrebbe potuto...
bambini e giovani · 05. aprile 2021
La nuova presa di coscienza portò un gruppo di persone a costituire nel gennaio del 1970 a Locarno un "comitato per la creazione di un centro sperimentale provvisorio del tempo libero". Gerold Meyer (1900-1990), ex-insegnante e anziano militante socialista e pacifista, con i giovani Alfredo Salvisberg, Felice Hepp, Pietro Künzle desideravano realizzare nel centro della città un luogo di incontro autogestito, per la gioventù locale, da destinarsi ad attività creative e di riflessione.
bambini e giovani · 05. aprile 2021
Negli anni ’60 anche in Ticino la gioventù era in fermento, la maggioranza ruppe gli schemi tradizionali che stavano troppo stretti. Nasceva un modo diverso di relazionarsi che contrastava con la rigidità degli adulti. Un nuovo genere musicale si faceva strada e durante i concerti c’era voglia di muoversi, di alzarsi e ballare. Tutto ciò spaventava gli adulti, che corsero ai ripari, come ad esempio a Biasca. Nel febbraio del 1960 il Municipio aveva emesso un’ordinanza in cui si vietava...
bambini e giovani · 25. dicembre 2017
E'importante poter offrire ai giovani adolescenti esperienze fuori dalle mura domestiche, che consentano la costruzione di un’adeguata identità adulta, che li renda responsabili delle proprie azioni e sensibili alla vita degli altri, della collettività, permettendo esperienze di solidarietà ed integrazione. Ecco perché bisogna creare le condizioni in modo che questa giovane generazione possa dar vita alla società del futuro, dando così un senso alla propria vita
bambini e giovani · 14. agosto 2017
Come animatrice socioculturale non posso astenermi dal condividere con voi la mia convinzione che la cittadinanza si apprende sperimentando e non memorizzando nozioni. Votiamo NO ad uno studio puramente nozionistico della civica.